| home | contatti |  chi siamo |  dove e quando |

 
Comune di Bologna
Ambiente e Energia
 
DELIBERAZIONE
 
n.167/2017 del 19/04/2017
APPLICAZIONE DEL 4 COMMA DELL'ART.12 DELLA L. 23.12.1999 N.488. APPROVAZIONE NUOVA INTEGRAZIONE ELENCO AREE NON METANIZZATE.
PG.N. 96655/2017
In pubblicazione dal 21/04/2017 al 05/05/2017
 

La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione

IL CONSIGLIO

Premesso che:
    - con deliberazione consiliare O.d.G. n. 185/2014 - PG 57125/2014, esecutiva a termini di legge, sono state individuate le aree del Comune di Bologna non servite dalla rete di distribuzione del gas metano al fine di consentire l’accesso alla riduzione del costo del gasolio e dei gas di petrolio liquefatti usati come combustibili;

    - la legge n. 448 del 23 dicembre 1998, all'articolo 8, comma 10, lett. c) , così come modificato dall’articolo 12, comma 4, della legge 23 dicembre 1999, n. 488, prevedeva il riconoscimento di un beneficio fiscale sulle accise derivanti dall'utilizzo dei prodotti petroliferi per uso riscaldamento per i comuni non metanizzati ricadenti nella zona climatica E;

    - tale beneficio, di cui all’art. 8, comma 10 lett. c) della legge n. 448/1998 era applicabile alle sole frazioni non metanizzate della zona climatica E, appartenenti a comuni metanizzati che ricadono nella medesima zona climatica E, intese secondo la lettera del citato art. 4, del d.l. n. 268/2000 come “… porzioni edificate …. ubicate a qualsiasi quota, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale, ivi comprese le aree su cui insistono case sparse”;

    -con l'articolo 13, comma 2 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, i predetti benefici fiscali sono stati riconosciuti anche alle “frazioni parzialmente non metanizzate, limitatamente alle parti di territorio comunale individuate da apposita delibera del Consiglio comunale, ancorché nella stessa frazione sia ubicata la sede municipale”;

    - con l'art. 2 comma 13 della Legge 203 del 22 dicembre 2008 è stata estesa la valenza di tale beneficio fiscale, previsione che però non è stata riproposta nella legge finanziaria per il 2010;

    Rilevato che, pertanto, a partire dal 1° gennaio 2010, è venuto meno l’ampliamento dell’ambito applicativo della riduzione di prezzo relativa al gasolio e al GPL usati come combustibile per riscaldamento in alcune zone del territorio nazionale climaticamente svantaggiate, previsto dal richiamato art. 13, comma 2, L.448/2001;

    Premesso, inoltre, che tutto il territorio del Comune di Bologna rientra all'interno della zona climatica E, come individuato in base al disposto dell'art. 2, comma 1 del DPR 412/1993;

    Atteso:

    - che l'Agenzia delle Dogane, con proprie comunicazioni n. 178604 del 31.12.2009, n.5961 del 15.1.2010 e n. 41017 del 12.4.2010 ha provveduto a chiarire ulteriormente i dettagli relativi all'esatta applicazione dell'art. 8, comma 10, lett. c) della L. 448/1998 e smi sopracitata;

    - in particolare, con la comunicazione n. 41017 del 12.4.2010, è stato precisato che “.. il beneficio fiscale di cui trattasi risulta applicabile ai quantitativi dei combustibili (gasolio e GPL) impiegati nelle “porzioni edificate (dei comuni ricadenti nella zona climatica “E” di cui al DPR n. 412/1993, esclusi dall’elenco redatto con decreto del Ministro delle Finanze e individuate con delibera di Consiglio dagli enti locali interessati) non metanizzate, ubicate, a qualsiasi quota, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale, ivi comprese le aree su cui insistono le case sparse”.

    Visto inoltre il D.M. 20/12/2012 Revisione del decreto 9 marzo 1999 in ottemperanza a quanto previsto dall’articolo 8, comma 10, lettera c) , della legge 23 dicembre 1998, n. 448 e successive modificazioni - Agevolazioni «zone montane»;

    Tenuto conto, per quanto sopra:
    - che tutto il territorio comunale posto al di fuori del centro abitato dove insiste la sede comunale va considerato nel suo insieme e rappresenta, in sostanza, un’unica “frazione” (comprendente anche le case sparse, a qualunque altitudine siano collocate), nella quale deve essere individuata, con apposito provvedimento, la parte “non metanizzata”;

    - che, pertanto, ai fini dell'applicazione dell’agevolazione prevista dalla normativa in discorso a tutto il territorio comunale che si trovi al di fuori del centro abitato ove è ubicata la sede municipale, le “porzioni edificate” non metanizzate in detto territorio sono individuate da apposita deliberazione consiliare;

    Inteso, pertanto, adeguare l'indicazione delle aree non metanizzate escludendo le utenze interamente collocate all'interno del centro abitato, nel quale ha peraltro sede la casa comunale;

    Considerato, inoltre, che i limiti del centro abitato sono stati definiti con deliberazione della Giunta municipale prog.506/2001 – PG 111231/2001 e individuata nella tavola “Le regole carta unica del territorio 1” approvata con deliberazione Prog. 145/2007, PG 114237/2007, e, pertanto, sulla base della stessa, si è reso necessario richiedere ad Hera S.p.A. un aggiornamento dell'elenco delle aree non servite dalla rete di distribuzione del gas metano, per la definizione delle aree non metanizzate all'esterno del centro abitato come richiesto dalla normativa attualmente vigente;
      Considerato, che in relazione a quanto sopra esposto, si rende necessario provvedere all'aggiornamento dell'elenco approvato con la citata deliberazione OdG 185/2014, PG 57125/2014 al fine di tener conto delle variazioni intervenute nei numeri civici censiti dal Comune ricadenti nelle aree sopra descritte;
        Ritenuto, pertanto, di approvare il suddetto elenco, come da allegato al presente provvedimento, consentendo l'accesso alla riduzione prevista per l'utilizzo del gasolio e g.p.l. da riscaldamento nelle aree di cui trattasi;

        Valutata l'opportunità di dichiarare il presente atto immediatamente esecutivo ai sensi dell'art. 134, comma 4 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, per poter dare rapido corso alle necessarie ulteriori attività;

        Dato atto che la presente deliberazione non comporta riflessi diretti ed indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente;

        Preso atto, ai sensi dell'art. 49, comma 1, del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L. 174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del Settore Ambiente ed Energia e della dichiarazione del Responsabile dell'Area Risorse Finanziarie che il parere in ordine alla regolarità contabile non è dovuto;

        Su proposta del Settore Ambiente e Energia, congiuntamente al Dipartimento Riqualificazione Urbana;

        Sentite le commissioni consiliari competenti;
        DELIBERA

        1) DI APPROVARE, per quanto in premessa esposto, l'elenco delle aree non servite dalla rete di distribuzione del gas metano, come da allegato quale parte integrante e sostanziale al presente provvedimento;

        2) DI DARE ATTO che tutte le aree inserite nel contesto fortemente urbanizzato ricomprese e racchiuse da tratti della rete di distribuzione sono da intendersi metanizzate;

        Infine, con votazione separata,
        DELIBERA

        DI DICHIARARE la presente deliberazione immediatamente esecutiva, ai sensi dell'art. 134, comma 4 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e ss.mm. e ii.

        La consultazione del testo di questo documento é possibile, durante il periodo di affissione, anche presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) , Sportello Presa Visione e Rilascio Atti Amministrativi di p.zza Maggiore, 6
        Copia conforme all'originale cartaceo ricavata automaticamente da applicazioni informatiche interne


        All aree NM2017.pdfAll aree NM2017.pdf


        | home | contatti |  chi siamo |  dove e quando |