| home | contatti |  chi siamo |  dove e quando |

 
Comune di Bologna
Area Educazione Istruzione e nuove generazioni
 
DELIBERAZIONE
 
ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA, LA CITTA' METROPOLITANA DI BOLOGNA, L'UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE UFFICIO V - AMBITO TERRITORIALE PROVINCIA DI BOLOGNA, IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL'EDUCAZIONE DELL'UNIVERSITA' DI BOLOGNA, PER IL CENTRO RISORSE EDUCATIVE E SCOLASTICHE RI.E.SCO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE/LABORATORIO PER UN'EDUCAZIONE INTERCULTURALE (CD>>LEI)
PG.N. 505374/2018
In pubblicazione dal 06/12/2018 al 20/12/2018
 



LA GIUNTA

Richiamati:

- il D. Lgs. 25.7.1998, n. 286 "Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero" e successive modificazioni;

- il DPR 31.8.1999 n. 394, art. 45, "Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero", a norma dell’art. 1, comma 6, del D. Lgs. 25 luglio 1998, n. 286;

- la Legge Regionale 12 marzo 2003, n. 2 "Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

- la Legge Regionale 8 agosto 2001, n. 26 (Diritto allo studio ed all'apprendimento per tutta la vita), che si prefigge di garantire pari condizioni di accesso ai servizi per l'infanzia, ai servizi scolastici ed agli interventi previsti in materia di diritto allo studio;

- la Legge Regionale 30 giugno 2003 n. 12, "Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro", che prevede per gli stranieri immigrati il godimento dei diritti in condizione di parità con i cittadini italiani e la promozione dell’adeguamento dell'offerta formativa alle loro specifiche esigenze nelle modalità organizzative, nelle metodologie e nei contenuti, anche attraverso attività di mediazione culturale;

- la Legge regionale n. 5/2004 "Norme per l´integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati", che è volta a promuovere una società aperta al dialogo sociale e allo scambio culturale;

- il programma triennale 2014/2016 per l'integrazione sociale dei cittadini stranieri approvato con Delibera Regionale n. 156 del 2 aprile 2014 che definisce i Centri Interculturali come “Luoghi pubblici, nei quali, spesso con il protagonismo delle giovani generazioni, l’intercultura diventa pratica reale in un dato territorio, diventa incontro tra persone, associazioni ed istituzioni”.

Rilevato che, in accordo con la Città Metropolitana di Bologna, l'Ufficio V U.S.R. Emilia Romagna - Ambito Territoriale di Bologna, Il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna è stato istituito, con delibera di Giunta Progr. n. 129/2009, P.G. 109736/2009, il Centro di Servizi e di Consulenza 'Ri.E.Sco' diretto a fornire supporto al sistema delle autonomie scolastiche presenti nel territorio, secondo quanto previsto dall’art. 22 della Legge regionale n.12/2003 sopracitata, in particolare nell’ambito di tutti gli interventi diretti al sostegno del successo scolastico e formativo e volti a contrastare l'abbandono scolastico degli/le allievi/e italiani/e e stranieri/e;

Considerato che:

- il CENTRO Ri.E.Sco. è nato anche dall’esigenza di valorizzare ed ulteriormente sviluppare, garantendo continuità e coerenza, gli interventi già messi in atto dalle attuali strutture comunali (attive da oltre 20 anni nel territorio bolognese) del Centro di Documentazione Laboratorio per un’Educazione Interculturale (CD>>LEI) e del Laboratorio di Documentazione e Formazione (LabDocForm), inserite nell'Area Educazione, Istruzione e Giovani Generazioni, all'interno dell'unità intermedia denominata Qualificazione e Sviluppo del Sistema Formativo Integrato;

- all’art. 5 del Regolamento organizzativo del CENTRO Ri.E.Sco. si fa esplicito riferimento alla collaborazione con altri soggetti, in particolare con l’Università degli Studi di Bologna, l'Ufficio V U.S.R. Emilia Romagna - Ambito Territoriale di Bologna e con gli Assessorati competenti in materia di Istruzione, Formazione, Immigrazione, della Regione e della Città metropolitana, attraverso la sottoscrizione di specifici atti convenzionali;

Valutato che:

- l'organizzazione e il funzionamento del CD/LEI sono sempre stati disciplinati da un atto convenzionale sottoscritto dal Comune di Bologna, dalla Città Metropolitana di Bologna, dall'Ufficio V U.S.R. Emilia Romagna - Ambito Territoriale di Bologna e dal Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell’Università di Bologna;

- il precedente accordo è scaduto, e in accordo con gli altri Enti sopra citati, si ritiene opportuno consolidare e rinforzare il ruolo del CD/LEI all'interno del nuovo Centro di Servizi e di Consulenza cittadino a supporto all'autonomia scolastica, valorizzando così una struttura ritenuta importante per la città e punto di riferimento anche per la Città Metropolitana di Bologna;

Ritenuto opportuno quindi:

- predisporre lo schema dell’Accordo di collaborazione fra i medesimi Enti, allegato e parte integrante del presente atto, per la realizzazione di attività tese a realizzare azioni condivise e concertate per un’educazione interculturale, sino alla scadenza dello stesso;

- incaricare l'Assessore o suo delegato, di provvedere alla sottoscrizione dell’accordo e di apportare le eventuali modifiche che si rendessero necessarie, fatta salva la sostanza dell’atto;

Dato atto che:

- il presente accordo non determina impiego di risorse aggiuntive rispetto a quanto il Comune di Bologna già prevede di impiegare per il funzionamento del Centro di Servizi e Consulenza Centro Ri.E.Sco., essendo le finalità dell'accordo mirato ad un lavoro di rete e di sinergia tra gli Enti sottoscrittori, quindi i riflessi diretti sulla situazione economico/finanziaria dell'ente sono già stati valutati nel bilancio di previsione dell'ente stesso;

- il Direttore dell'Area dovrà provvedere, dopo la sottoscrizione dell’accordo, con successivi atti, agli adempimenti conseguenti;

Ritenuto di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4 del D.Lgs. 18.08.00 n. 267 stante la necessità di provvedere al più presto alla sottoscrizione dell'Accordo.

    Preso atto, ai sensi dell'art.49 comma 1, del D.Lgs. 18 Agosto 2000, n. 267, così come modificato dal D.L.n.174/2012, del parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile dell'Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni e del parere favorevole in ordine alla regolarità contabile espresso dal Responsabile dell'Area Risorse finanziarie.

    Sentiti i rappresentanti degli Enti sottoscrittori;

    Su proposta dell'Area Educazione, Istruzione e Nuove Generazioni;

    A voti unanimi e palesi
    DELIBERA


    1. DI PROSEGUIRE, per le ragioni in premessa esplicitate ed in continuità con gli anni precedenti, la collaborazione tra il Comune di Bologna, la Città Metropolitana di Bologna, l’Ufficio V Ambito territoriale per la Provincia di Bologna (U.S.R.) e il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, per il Centro di Documentazione/Laboratorio per l’Educazione Interculturale (CD/LEI) Centro Ri.E.Sco, sino alla scadenza dell'accordo la cui durata si esplicita in un anno dalla sua sottoscrizione;

    2. DI APPROVARE, pertanto, l’Accordo di Collaborazione tra il Comune di Bologna, la Città Metropolitana di Bologna, l'Ufficio V U.S.R. Emilia Romagna - Ambito Territoriale di Bologna il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Universita’ di Bologna, per il Centro di Documentazione/Laboratorio per un’ Educazione Interculturale (CD>>LEI) - Centro RiESco,

    3. DI INCARICARE l'Assessore o suo delegato, di provvedere alla sottoscrizione dell'accordo con firma digitale, e di apportare le eventuali modifiche che si rendessero necessarie, fatta salva la sostanza dell'atto;
    Infine, con votazione separata, all'unanimità
DELIBERA

    DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, stante l'urgenza di sottoscrivere l'accordo stesso.


La consultazione del testo di questo documento é possibile, durante il periodo di affissione, anche presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) , Sportello Presa Visione e Rilascio Atti Amministrativi di p.zza Maggiore, 6
Copia conforme all'originale ricavata automaticamente da applicazioni informatiche interne

delibera di giunta.pdf
ACCORDO DI COLLABORAZIONE CDLEI RIESCO 27 nov.pdf



| home | contatti |  chi siamo |  dove e quando |